I tacchi di Marta

Marta non amava i tacchi. Continuava a chiedersi perchè tutte le donne avessero quel tipo di scarpe. Chi aveva imposto a tutte di sembrare più alte? Chi aveva imposto a tutte di camminare in punta di piedi? Più guardava le riviste più le sembrava che le caviglie delle indossatrici fossero piegate in avanti in modo quasi anormale. Le faceva quasi impressione. – Dio ci aveva fatto il tallone per errore? – si chiedeva. Tempo prima aveva provato ad indossare i tacchi a spillo, e quell’esperienza fu talmente forte che ancora se la ricordava perfettamente, come una specie di incubo. Di fronte alla piazza centrale, tutta pavimentata in bolognini, si era trovata impotente, come un bimbo di fronte ad un fiume in piena, incapace di attraversarla. Aveva quindi cercato un’altra strada ma si era accorta che quel tipo di pavimentazione era molto frequente e che avrebbe dovuto camminare e camminare per trovare la strada adatta a lei,  l’unica possibile in quel gigantesco labirinto. Stremata, due ore dopo, si era messa a piangere, aveva chiamato un taxi ed era tornata a casa. – Basta, coi tacchi ho chiuso! – pensava dentro di sé – tacchi a spillo o quel che sia! Questa è la mia altezza, e la mia caviglia ricomincerà a piegarsi in modo normale! – e gettò le scarpe fuori dalla finestra.

Luca era seduto su una panchina, in via Pozzi, e si chiedeva quale donna, tra tutte quelle che vedeva passeggiare, potesse essere quella giusta per lui. La cercava, ma non sapeva chi fosse, dove fosse. Per questo si guardava intorno, osservava, valutava. Ad un certo punto  notò un particolare che lo fece ridere! Tutte le donne avevano la borsetta. Non è che fosse una novità per lui, ma constatare effettivamente che non c’era nemmeno una donna senza la borsetta era tutto un altro paio di maniche. – Se prendi una donna prendi anche una borsetta – pensava sorridendo – come se le borsette fossero una parte del loro corpo, una parte del loro modo d’essere, di vivere. E a pensarci  bene – si diceva – anche i tacchi sono molto frequenti, forse non come le borsette, ma davvero sono tante quelle che…

In quell’attimo una scarpa con un bel tacco spesso gli colpì la testa come una sassata. Il suo urlo attirò l’attenzione di tutta la gente nella piazza e una ragazza, con un fare molto timido, si affacciò alla finestra per vedere cos’aveva combinato.

Giacomo

Annunci

Farsi baciare i piedini – su Bazar

Voglio concludere l’anno solare con uno degli articoli più buffi degli ultimi tempi. Ieri sera mi sono messo a leggere “Bazar – settimanale di annunci gratuiti” della nostra ridente cittadina; sfogliando son passato da annunci riguardanti lampade, letti, specchiere, serramenti, bambole, aspirapolvere, gabbie, cani&gatti, cordless, case e quant’altro. A pagina 35 però inizia qualcosa di assolutamente nuovo e rivoluzionario, una vera ventata di cambiamento nel giornale. Inizia la sezione “relazioni sociali: contatti e messaggi”. Tenetevi forte. Vi cito alcuni estratti.

SONO un 44enne, di professione faccio l’agricoltore, vivo in un paesino a 20km da Trento e cerco una ragazza 33.37enne sincera, che ami le cose semplici per amicizia e poi si vedrà.

BEL maschio sportivo e attraente ti cerca in zona Bolzano/Trento per amicizia/relazione, età max 40 e pari requisiti (maschio).

TERESA è una 40enne mozzafiato!Bionda, occhi celesti, bel fisico, colta, economicamente indipendente. Ha una casa di proprietà, ed è divorziata. Voi direte, tanti pregi, nessun difetto? Il suo difetto è che non si accontenta di avere una relazione con la tanto per non stare da sola. Vuole l’uomo con la U maiuscola. Colto, affascinante, serio, interessante.

45ENNE cerca donna per regalare fiori e baci. Ti voglio passionale e senza tanti tabù per baciarti ovunque, ospito e mi sposto in regione. Non importa età e colore dei capelli, ma solo tanta voglia di trascorrere ore liete con i miei baci.

ALLEGRA ragazza capelli fucsia dolce maggiorata morbidosa, statuaria, bel fondoschiena, tacchi a spillo. Fotomodella per hobby diponendo tempo libero valuta offerte di collaborazione e-o servizi.

ANNUNCIO per ricerca di una donna emancipata disposta a farsi baciare i piedini. Sono un uomo 46enne pulito e discreto. Non cerco sesso di alcun tipo. In cambio? Chiedi tu cosa.

CERCO una donna con caratteristiche fisiche particolari, se sei curiosa scrivimi che ti spiego.

Beh, io mi sono sganasciato dal ridere. Nell’anonimato emergono le pulsioni più strane, il commercio dei desideri più nascosti e soffocati. Implicitamente anche il commercio dei corpi e probabilmente lo sfruttamento della prostituzione. Dietro a questi annunci malcostruiti e ridicoli ci vedo il lato nascosto della natura umana, quello che non si esplicita se vi mettete a osservare le persone che camminano in città. Avrei quasi voglia di chiamare per conoscerle, queste persone, dar loro un volto normale, integrarle nel quadro di questa società e forse forse baciare i loro piedi, vedere se ho quelle particolari caratteristiche, se davvero hanno una quinta misura e una casa di proprietà, se posso farmi regalare fiori e baci, e tutto il resto.

Forse nessuno di noi è davvero oltre queste pulsioni, tuttavia due risate non guastano. In caso qualcuno fosse interessato ai numeri o alle e-mail di questi annunci, mi contattati in via privata. Oppure comperatevi Bazar.

Giulio